Il Modello OT23

Tutte le aziende iscritte all’INAIL e in regola con la contribuzione obbligatoria possono ottenere la riduzione del premio INAIL attraverso il modello OT23, attuando le iniziative previste entro il 31 dicembre 2021.

Che cos’è il modello OT23?

L’OT23 è un’agevolazione fiscale che viene concessa dall’INAIL a quell’aziende virtuose che eseguono interventi per il miglioramento delle condizioni di prevenzione e tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli obbligatori previsti dalla normativa in materia (d.lgs. 81/2008 e s.m.i.).
Ogni anno per legge, le aziende sono obbligate a versare una quota assicurativa all’INAIL per poter garantire i servizi nel caso di infortunio, malattia professionale o invalidità.

Lo scopo del modello OT 23 (oscillazione del tasso per prevenzione) è di incentivare e aiutare le imprese che hanno deciso di attuare concretamente interventi specifici per prevenire infortuni e malattie professionali e in grado di diminuire le condizioni di rischio per i lavoratori all’interno dell’impresa.
L’INAIL quindi premia quelle aziende che si distinguono sui temi della sicurezza sul lavoro, diminuendo significativamente il costo del premio assicurativo dovuto all’Istituto.

Come accedere all’OT23?

Tra i presupposti applicativi c’è, oltre al rispetto del decreto 81/08, anche la regolarità contributiva e assicurativa (DURC).
La valutazione degli interventi migliorativi è in funzione di un punteggio che si ottiene a seguito di vari interventi articolati in cinque sezioni. Ad ogni intervento è attribuito un punteggio ed è necessario aver effettuato interventi tali che la somma dei loro punteggi sia pari almeno a 100. Quindi il raggiungimento dei 100 punti è da considerarsi come soglia utile (oltre che soglia minima) per accedere all’agevolazione.

I parametri dell’oscillazione del tasso per prevenzione

Raggiunta la soglia dei 100 punti e maturata quindi la possibilità di accedere all’agevolazione, l’azienda ha diritto allo sconto sulla polizza assicurativa dovuta all’INAIL, in relazione al numero dei lavoratori-anno del triennio della Pat (Posizione Assicurativa Territoriale). Il calcolo dell’indicatore quindi è quello del numero lavoratori/anno x 3 e le soglie di sconto sono le seguenti:

• 28%, fino a 10 lavoratori
• 18%, fra gli 11 e fino a 50 lavoratori
• 10%, fra i 51 e fino a 200 lavoratori
• 5%, oltre 200 lavoratori

Presentazione domanda e scadenze

La scadenza di presentazione della domanda varia ogni anno, ma in linea di massima è fissata entro la fine di febbraio dell’anno che segue gli interventi migliorativi. I requisiti infatti devono riferirsi alla situazione fotografata al 31.12 dell’anno precedente a quello in cui l’istanza viene presentata. La riduzione è concessa solo dopo l’accertamento dei requisiti di regolarità contributiva del datore di lavoro.

I vantaggi del SGSL

In questo contesto, attuare un Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) permette di ottenere automaticamente 100 punti. Adottare un SGSL, dunque, è un modo efficace per ottenere in un colpo solo il punteggio necessario per beneficiare dello sconto INAIL.
Non servono particolari interventi, ma deve solo essere attestata la piena conformità dell’azienda alla normativa sulla salute e sicurezza dei lavoratori (dlgs 81/08 e s.m.i.) attraverso un sistema di gestione. È bene ricordare che l’adozione non è obbligatoria, bensì una scelta volontaria da parte dell’impresa. Si tratta di un sistema non certificato, quindi meno costoso rispetto a quelli certificati.

Oltre al vantaggio fiscale dell’agevolazione attraverso il modulo OT23, l’implementazione di un SGSL porta altri aspetti importanti da considerare:

1. Consente la riduzione sostanziale di infortuni e malattie professionali confermata da un recente studio dell’Inail e quindi la riduzione dei costi dovuti alla mancata sicurezza, delle denunce, delle sanzioni e dei costi per sostituire le persone infortunate;
2. Come previsto dall’articolo 30 del Decreto Legislativo numero 81/2008 ha efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni di cui al Decreto Legislativo numero 231/01;
3. Riduce progressivamente i costi complessivi della salute e sicurezza sul lavoro, compresi quelli derivanti da incidenti, infortuni e malattie correlate al lavoro, minimizzando i rischi cui possono essere esposti i dipendenti o i terzi (clienti, fornitori, visitatori, ecc.);
4. Aumenta l’efficienza e le prestazioni dell’impresa/organizzazione;
5. Contribuisce a migliorare i livelli di salute e sicurezza sul lavoro;
6. Migliora l’immagine interna ed esterna dell’impresa/organizzazione, apportando un vantaggio competitivo per il proprio brand;
7. Aumenta la produttività e ottimizza i processi;
8. Migliora il controllo e le garanzie.

 

Aziende Protette supporta le imprese nell’implementare un SGSL per il raggiungimento dei 100 punti e nel produrre la documentazione necessaria all’ottenimento di questo beneficio fiscale. Contattaci per accedere a questa opportunità o se desideri maggiori informazioni.